PaveseFestival 2012: “La luna… bisogna crederci per forza”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > concorsi e premi letterari > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema > mostre tematiche
Questo evento si è tenuto dal 15 giugno 2012 al 9 settembre 2012 presso località varie di Santo Stefano Belbo (Cuneo), alle (vedi dettaglio eventi).
L'evento...

PaveseFestival 2012

“La luna... bisogna crederci per forza” 

“La luna, - disse Nuto, - bisogna crederci per forza. Prova a tagliare a luna piena un pino, te lo mangiano i vermi. Una tina la devi lavare quando la luna è giovane. Perfino gli innesti, se non si fanno ai primi giorni della luna, non attaccano. Allora gli dissi che nel mondo ne avevo sentite di storie, ma le più grosse erano queste. Era inutile che trovasse tanto da dire sul governo e sui discorsi dei preti se poi credeva a queste superstizioni come i vecchi di sua nonna. E fu allora che Nuto calmo calmo mi disse che superstizione è soltanto quella che fa del male, e se non adoperasse la luna e i falò per derubare i contadini e tenerli all’oscuro, allora sarebbe lui l’ignorante e bisognerebbe fucilarlo in piazza”
(da “La luna e i falò”, Cesare Pavese)

La luna è sempre stata uno degli elementi di maggiore ispirazione per Cesare Pavese.

Allo scrittore e a questo potente astro, la Fondazione “Cesare Pavese”  dedica la XII edizione di “Pavese Festival”, una rassegna culturale iniziata il 15 giugno, che prevede numerosi appuntamenti lungo tutta l’estate, per concludersi il 9 settembre.

In programma appuntamenti d’arte, musica, cinema teatro e, naturalmente, letteratura.

Ad ospitare il festival sono Santo Stefano Belbo, paese natale di Pavese,  le piemontesi Serralunga di Crea, Barolo, CanelliAsti e un’internazionale New York.

“Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti”
(da “La luna e i falò”)

Inaugurato a Santo Stefano Belbo il 15 giugno con uno spettacolo di musica e danza, il festival ha fatto subito tappa a New York, il 18 giugno, presso Casa Zerilli Marimò: un incontro tra Giorgio Faletti  e il traduttore Antony Shugaar, in occasione del Premio Internazionale “Cesare Pavese”.

Il mese di luglio ha visto Pavese protagonista nella musica in “Viaggio nella musica di Cesare Pavese attraverso Nuto e le bande” con la partecipazione della filarmonica di Santo Stefano Belbo, la Maglianese di Magliano Alfieri e la Banda del Sei in Langa di Neive; in “Fleux e le Mondine di Novi cantano De Andrè”; in “Dialoghi con Vinicio”, il cantautore Vinicio Capossela ha incontrato le parole di Pavese in un duetto musical-letterario e con “Langhe Rock Festival”, uno spazio dedicato alla band emergenti.

Il 29 luglio, Pavese ha incontrato il Jazz in “Come se avessi le ali”: voci erranti e le note di Chet Baker hanno sposato le parole dello scrittore grazie a un’idea di Marco Vesozzo.

Il 14 luglio è stata inaugurata la mostra “Versi di Versi” a cura dell’associazione “Gli Immoti Carbonari”, una mostra dedicata allo scrittore Cesare Pavese, concepita per comunicare con il pubblico con un modo tutto nuovo di raccontare.

Attraverso gli occhi degli artisti, tra colori ed emozioni, vengono presentati citazioni e aneddoti inconsueti riguardanti lo scrittore, un vero e proprio viaggio attraverso Pavese con ogni opera a rappresentare una diversa fermata.

La mostra sarà visitabile fino al 30 agosto 2012, presso la sede della Fondazione Cesare Pavese a S.Stefano Belbo. 

“Fare poesie è come far l’amore: non si saprà mai se la propria gioia è condivisa”
(da “Il mestiere di vivere”)

Il 4 agosto si è tenuta la “Notte dei falò”, con una cena sotto le stelle, i falò ad illuminare la notte e lo spettacolo “Veglia di lune e fuochi” del Teatro delle Forme.

Ma, per l’estate è possibile partecipare a “La luna e i falò ai tempi della Twitteratura”, ovvero riscrivere i 32 capitoli del romanzo attraverso 32 twitt, con solo 140 caratteri a disposizione.

Durante l’ultima serata del festival verrà letto il nuovo romanzo riscritto dai followers (seguite su Twitter @pavesecesare e #LunaFalò).

Sabato 25 e domenica 26 agosto, “oltre il Pavese Festival”: presso la casa natale dello scrittore (a Santo Stefano Belbo), una due giorni pavesiana a cura del Cepam, con la collaborazione della Fondazione per il Libro la musica e la cultura e della Fondazione Cesare Pavese e il patrocinio del Parco Culturale Piemonte Paesaggio Umano.

Il Festival riprenderà il 3 settembre con “Summer School 2012” e, in vista del compleanno dell’autore - l’8 settembre - con la premiazione del concorso fotografico “La bella estate”, una visita guidata ai luoghi pavesiani e lo spettacolo teatrale Il vizio assurdo”di Diego Fabbri e Davide Lajolo, a cura di Assemblea Teatro.

Il 9 settembre si concluderà la rassegna, con “Cesare, la luna e la vigna” per la regia Luciano Notturno, celebrando il compleanno dello scrittore.

 

“La vita di ogni artista e di ogni uomo è come quella dei popoli un incessante sforzo per ridurre a chiarezza i suoi miti”
(da “Del mito, del simbolo e d'altro”, in “La letteratura americana e altri saggi”)

laMau

© 2012 imieilibri.it


Potete consultare il programma completo qui!



Petra Magoni e Ferruccio Spinetti - “Guarda che luna” (Fred Buscaglione cover)

 

 


Evento organizzato da Fondazione “Cesare Pavese” e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...