Mangia Prega Ama di Elizabeth Gilbert

Il commento...

“Mangia Prega Ama”
di Elizabeth Gilbert


Su Amazon/laFeltrinelli/IBS/inMondadori

«Se riesci a fare un po’ di spazio nella tua mente, si apre una porta.
E allora sai che farà l’universo?
Ti inonderà e tutto il resto non conterà più.»

Liz ha 31 anni, un marito, una grande casa a New York e un lavoro che la porta in giro per il mondo. Ma a un tratto qualcosa si spezza nella sua vita apparentemente perfetta, una parte di lei la costringe quasi ogni notte a rinchiudersi in bagno a piangere, con la consapevolezza lancinante di non volere più niente di tutto questo: essere sposata, progettare un futuro con bambini e staccionate bianche, smettere di viaggiare. Insomma cambiare vita e affrontare tutte le aspettative riposte in chi supera la soglia dell’età adulta, i famigerati “trenta.

Essendo anch’io approdata da poco a questa età, molti degli stessi dubbi che hanno colto Liz girovagavano lievi nella mia testa all’epoca in cui ho letto il libro: sono davvero pronta per affrontare la cosiddetta “vita reale”? Convivenza, matrimonio, figli, responsabilità. è quello che voglio, o piuttosto quello che dovrei volere perché ormai ho 30 anni?

Liz affronta il dolore del divorzio e la perdita, lentamente smarrisce piccole parti di sé; allora, per recuperare una serenità e un equilibrio che sembrano sempre più sfuggenti, decide di cominciare un viaggio: fisico, ma soprattutto spirituale. Prima in Italia, per riscoprire il piacere (della buona cucina, dell’amicizia, del riposo); poi in India, per immergersi nella preghiera e nel proprio centro interiore; e infine a Bali, per ritrovarsi nuova e ricominciare a sognare e a vivere l’amore.

Quello di “Mangia Prega Ama” (disponibile online su Amazon/laFeltrinelli/IBS/inMondadori) è un racconto intenso e a tratti ironico, che per molti aspetti riflette ormai anche il panorama italiano, punteggiato di giovani coppie che dopo qualche anno di matrimonio si ritrovano a trent’anni già con una separazione o un divorzio alle spalle, e che cercano sempre di più una via spirituale per comprendere il significato dell’esistenza e vivere in unione e armonia con essa.

La parte che più mi ha emozionata di questo libro? Il finale, quando tutte le esperienze vissute si ricongiungono in un unico magico momento in cui il cerchio si chiude, e la più saggia e matura Liz capisce di essere stata sempre lì, in attesa che la se stessa confusa e singhiozzante di qualche anno prima si evolvesse per diventare la donna felice ed equilibrata di adesso. Come se la vita fosse un unico grande anello in cui tutto ritorna, uguale eppure diverso, e ci accompagnasse per mano lungo il percorso della nostra crescita interiore.

Un grande insegnamento di coraggio e di onestà, per chi -come me- è alla ricerca di risposte su ciò che si è e che si vuole davvero; perché tutti sognano di cambiare vita, ma ricominciare daccapo lasciando andare tutti i ruoli imposti ed essere semplicemente se stessi richiede una buona dose di forza… talvolta anche abbracciando un albero o superando la paura di sollevare le gambe verso il cielo e mettersi a testa in giù.


Elizabeth Gilbert è nata a Waterbury, Connecticut, nel 1969 e collabora come giornalista con “Esquire”, “GQ” e il “New York Times Magazine”.
E' autrice di racconti, romanzi e biografie, e con Mangia prega ama è rimasta per 187 settimane nella classifica dei libri più venduti stilata dal New York Times.

Dal libro è stato tratto nel 2010 l’omonimo film con Julia Roberts, diretto da Ryan Murphy.


Elizabeth Gilbert, “Mangia Prega Ama” 

Disponibile online su:

- Amazon
- laFeltrinelli
- IBS
- inMondadori

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...